Apple prima nel settore degli auricolari true wireless

Auricolari e cuffie senza fili sono tra i gadget tecnologici del momento. Ma anche i dispositivi indossabili più popolari, davanti a smartwach e bracciali da fitness. Da luglio a settembre ne sono stati venduti 96,7 milioni di unità a livello mondiale (+53% su base annua), e nel quarto trimestre – complici gli acquisti natalizi – dovrebbero aver superato traguardo dei 100 milioni di unità.

A fornire i dati sono i ricercatori di Canalys, secondo i quali, per ogni cento smartphone immessi in commercio nel terzo trimestre, sono stati consegnati 27 auricolari/cuffie e 13 smartwatch/smartband. A trainare il settore sono gli auricolari “true wireless” (completamente senza fili) come gli AirPods di Apple. Il segmento è infatti cresciuto del 183% a quota 43 milioni di unità. E Apple, con 18,2 milioni di AirPods consegnati nel terzo trimestre, ne detiene il 43%. Gli auricolari wireless tradizionali sono il secondo segmento con 32 milioni di unità commercializzate (+6%). L’azienda leader è Jbl, seguita da Sony e Skullcandy. Al terzo posto le cuffie wireless, con 22 milioni di dispositivi (+22%). Anche qui è in testa Jbl, davanti a Sony e Bose.

>>>>>>>>>>>Plantronics CS540 CS540A CO54 C054 Batteria del CS540
>>>>>>>>>>>VARTA CP1654 A3 Bluetoot Headset Batteria del CP1654_A3

Pubblicato in NEWS RECENTI | Commenti disabilitati su Apple prima nel settore degli auricolari true wireless

Galaxy S10 Lite e Galaxy Note10 Lite, i top di gamma economici di Samsung

Samsung ha annunciato i nuovi Galaxy S10 Lite e Galaxy Note10 Lite. In linea con la tradizione delle serie Galaxy S e Note, i dispositivi Galaxy Lite integrano caratteristiche premium come le più recenti tecnologie per la fotocamera, il display immersivo e una batteria di lunga durata, portandole a un livello nuovo. “I dispositivi Galaxy S e Galaxy Note riscuotono da 10 anni un enorme successo in tutto il mondo. Questi prodotti sono la dimostrazione del nostro continuo impegno per offrire innovazioni da leader di settore, in termini di prestazioni, potenza, intelligenza e servizi”, ha dichiarato DJ Koh, Presidente e CEO della divisione IT & Mobile Communications di Samsung Electronics. “Galaxy S10 Lite e Galaxy Note10 Lite renderanno disponibili queste caratteristiche premium essenziali per chi desidera sperimentare il meglio di Samsung Galaxy”.

Fotocamera professionale
Galaxy S10 Lite dispone di una fotocamera principale e obiettivi ultra-grandangolare e macro, oltre alla funzione Super Steady OIS. In combinazione con la modalità Super Stabilizzatore, Super Steady OIS assicura una maggiore stabilità per le foto e i video acquisiti nel pieno dell’azione, permettendo di condividere le proprie esperienze dal vivo, senza compromessi. La fotocamera ultra-grandangolare ha un angolo di visione di 123 gradi, che offre lo stesso campo visivo dell’occhio umano, mentre le fotocamere ad alta risoluzione anteriori e posteriori consentono di catturare ogni singolo dettaglio.

Produttività migliorata
Galaxy Note10 Lite e la sua caratteristica S Pen permettono di vivere l’esperienza premium dei dispositivi Note e aumentare la produttività. Grazie al supporto per Bluetooth Low-Energy (BLE), ora è possibile mandare avanti le slide durante una presentazione, controllare la riproduzione di un video o scattare una foto con un click della S Pen. Air Command rende accessibili le funzionalità necessarie della S Pen in modo semplice e rapido. Infine, prendere appunti non è mai stato così facile: la funzione “Conversione Digitale del testo” converte le note scritte a mano in testo, pronto da modificare e condividere, mentre Samsung Notes rende più semplice e veloce creare annotazioni in mobilità.

Prezzi e disponibilità
Sia Galaxy S10 Lite che Galaxy Note10 Lite dispongono di un display Infinity-O da 6,7 pollici e una potente batteria da 4.500 mAh con Ricarica Ultra-Rapida rispettivamente da 45W e 25W. Permettono di accedere all’ecosistema Samsung di app e servizi intelligenti, tra cui Bixby (Vision, Home, Routines), Samsung Pay e Samsung Health e sono protetti dalla piattaforma di sicurezza Knox, in grado di salvaguardare tutti i dati degli utenti e di tenere separati le informazioni personali da quelle di lavoro.

I due smartphone saranno disponibili da metà gennaio: Galaxy S10 Lite nelle colorazioni Prism White, Prism Black e Prism Blue al prezzo di 679 euro; Galaxy Note10 Lite nelle colorazioni Aura Glow, Aura Black e Aura Red al prezzo di 629 euro.

>>>>>>>>>>>>>>>>Batteria Per Telefoni Cellulari Samsung

Pubblicato in NEWS RECENTI | Contrassegnato , | Commenti disabilitati su Galaxy S10 Lite e Galaxy Note10 Lite, i top di gamma economici di Samsung

Huawei: il 2020 sarà un anno difficile, la priorità è sopravvivere

Fatturato 2019 minore del previsto, a causa del bando americano e delle pressioni di Trump per scoraggiare l’adozione di tecnologie 5G cinesi nei Paesi occidentali.

In un messaggio di Capodanno ai dipendenti, il presidente a rotazione Eric Xu ha detto che il fatturato di Huawei per il 2019 dovrebbe raggiungere 850 miliardi di yuan (122 miliardi di dollari). Un aumento di circa il 18 per cento rispetto all’anno precedente: anche se “l’azienda è solida”, la cifra è inferiore alle previsioni, che si attestavano su 125 miliardi di dollari.

“Il governo degli Stati Uniti – ha aggiunto – è impegnato in una campagna strategica e a lungo termine” contro l’azienda, che punta a creare un “ambiente ostile perché Huawei possa sopravvivere e prosperare”. “La sopravvivenza sarà la nostra prima priorità” nel 2020, ha spiegato Xu, sottolineando come Huawei dovrà “fare di tutto per costruire il suo ecosistema di servizi mobili per poter continuare a vendere smartphone nei mercati d’oltreoceano”. Quello dei telefoni è un mercato ancora fiorente per l’azienda di Shenzhen, che ha registrato una “robusta crescita” con 240 milioni di unità spedite nel 2019.

Dal lato delle infrastrutture, invece, l’azienda ha dovuto affrontare ostacoli e sospetti da parte degli Stati Uniti e di altre nazioni che diffidano dei suoi stretti rapporti con il governo cinese. I capi dei servizi segreti statunitensi affermano che non ci si può fidare di Huawei e che le sue apparecchiature rappresentano una minaccia per la sicurezza nazionale. D’altra parte, la legge cinese impone ai singoli e alle organizzazioni di assistere e collaborare con i servizi segreti nazionali. Xu ha voluto mandare un messaggio rassicurante: la sicurezza informatica e la privacy degli utenti sono una “priorità assoluta” nell’agenda di Huawei, e l’azienda “continuerà a rispettare tutte le leggi e i regolamenti correlati nei mercati in cui operiamo”.

Il fondatore di Huawei Ren Zhengfei: “Il bando di Trump non ci indebolisce ma ci rende più forti”

Fondata nel 1987 dall’ex ingegnere dell’Esercito di liberazione del popolo Ren Zhengfei, Huawei è sotto i riflettori un anno fa quando la figlia di Ren, il dirigente senior di Huawei Meng Wanzhou, è stata arrestata in Canada su richiesta degli Stati Uniti. Washington vuole metterla sotto processo per aver presumibilmente mentito alle banche sulla violazione delle sanzioni iraniane. La sua udienza per l’estradizione inizia il 20 gennaio.

Dopo l’arresto di Meng la situazione è rapidamente peggiorata. A maggio, Washington ha vietato alle aziende statunitensi di vendere apparecchiature e tecnologie all’azienda, impedendo al gigante degli smartphone di accedere al sistema operativo Android di Google. Nonostante le aperture di Trump alla Cina, Xu ha prevede che Huawei rimanga nella Entity List statunitense nel 2020, aggiungendo che il produttore di smartphone numero due al mondo non crescerà così rapidamente come nella prima metà del 2019. “Sarà un anno difficile per noi”, ha commentato.

Alcuni operatori di tlc europei, tra cui la norvegese Telenor e la svedese Telia, hanno abbandonato Huawei come fornitore per le loro reti 5G, dopo gli allarmi delle agenzie di intelligence. Australia e Giappone hanno nel frattempo adottato misure per bloccare o limitare la partecipazione dell’azienda al lancio delle rispettive reti 5G. All’inizio di questo mese, il primo ministro Boris Johnson ha anche lasciato intendere che la Gran Bretagna avrebbe fatto altrettanto. Ma altre nazioni non hanno chiuso la porta a Huawei, con la Germania che finora ha resistito alle pressioni per escludere la società cinese dalla fornitura di tecnologia per le sue infrastrutture 5G. Il cancelliere Angela Merkel ha più volte affermato che il Paese avrebbe insistito su rigorosi requisiti di sicurezza senza tuttavia porre veti verso singole aziende.

Batteria per telefoni cellulari huawei in vendita su Batteria Mercato a prezzo conveniente e con consegna rapida. Acquista online Batterie per computer portatili da un’ampia selezione nel negozio Informatica.

Pubblicato in NEWS RECENTI | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Huawei: il 2020 sarà un anno difficile, la priorità è sopravvivere

Cellulari rari, i modelli che valgono una fortuna: quali sono

Oramai non possiamo più fare a meno del nostro smartphone: è diventato un elemento fondamentale nelle nostre vite e ci aiuta in ogni fase della giornata. Rispetto a una decina di anni fa c’è stato un grosso passo in avanti e un cambiamento profondo nel design e nelle caratteristiche dei dispositivi. Gli smartphone hanno mandato in soffitta i cari e vecchi cellulari con tastiera fisica e schermo poco più grande di un pollice. Molti di noi li hanno ancora dentro qualche scaffale per ricordo, non sapendo che potrebbero avere tra le mani un vero e proprio tesoro.

Per molti sono solo dei rifiuti elettronici da riciclare, ma in realtà possono tramutarsi in dei veri e propri tesori. I cellulari degli anni ’90 e dei primi anni 2000 con il passare del tempo hanno acquistato valore, soprattutto tra i collezionisti. Avere a casa un telefonino di una ventina di anni fa può rivelarsi una vera e propria fortuna e una miniera dalle uova d’oro. Logicamente non vale per tutti, ma solo per quelli con caratteristiche particolari e che si sono mantenuti molto bene con il tempo. Ecco quali sono.

Nokia 7600
Iniziamo con il Nokia 7600, un modello lanciato nel 2004, quando i primi smartphone stavano vedendo la luce. Si tratta di uno degli ultimi modelli lanciati dall’azienda finlandese prima di passare sotto il controllo di Microsoft. Il Nokia 7600 si contraddistingue per il design a forma di occhio, con tutti i tasti facilmente raggiungibili con una mano. Il telefonino non ebbe grande successo, un po’ per il design estremo, un po’ per l’arrivo dei primi smartphone. Se ne avete uno dentro un cassetto ed è ancora funzionante, il valore tra i collezionisti è di circa 150 euro.

Samsung E600
Samsung è diventata una dei tre produttori più importanti al mondo per quanto riguarda gli smartphone, ma fino a una decina di anni fa non erano molti i telefonini dell’azienda sud-coreana disponibili sul mercato. Uno dei primi è stato il Samsung E600, un telefonino con design a conchiglia con doppio schermo a colori. Montava un sistema operativo proprietario e aveva anche una fotocamera da 0,3 Megapixel. Un modello funzionante può essere acquistato a poco più di 100 euro sui siti di e-commerce.

Nokia 7110
Apertura slide, schermo retroilluminato di blu e primo dispositivo ad avere un browser WAP. Stiamo parlando del Nokia 7110, telefonino lanciato nel 1999 e che doveva essere una vera e svolta per il mercato. Fu anche il primo cellulare della serie Nokia 40 e aveva un’autonomia di circa 10 giorni. Per i collezionisti può valere fino a 150-200 euro.

Nokia 7280
Nella classifica degli smartphone più strani di sempre il Nokia 7280 merita sicuramente un posto sul podio. Anzi, definirlo un telefonino è un po’ un’esagerazione. Si tratta di un dispositivo dalla forma cilindrica, pensato per gli amanti delle foto e con uno schermo abbastanza piccolo. Può essere acquistato online a un prezzo di poco inferiore ai 300 euro.

Mobira Senator
Facciamo un tuffo nel passato, agli albori del mercato mobile. Il Mobira Senator è un “telefonino” dalle dimensioni piuttosto generose e dal design molto particolare. Si tratta di uno dei primi cellulari lanciati sul mercato e per questo motivo ora può valere fino a 1000 euro. 

Motorola DynaTAC 8000x
Motorola è una delle aziende che ha fatto la storia del mondo dei cellulari. Uno dei primi telefonini a essere lanciato sul mercato è stato il Motorola DynaTAC 8000x. Vedendolo dalle immagini sembra essere un telefono cordless, ma all’epoca era un dispositivo all’avanguardia. Prodotto in soli 30.000 esemplari, il Motorola DynaTAC 8000x può valere fino a 1000 euro.

Acquista online batterie per telefoni cellulari. Soluzioni compatibili per Samsung, iPhone, Huawei e molto altro. Consegna Rapida. 100% Nuovi e garantiti 12 mesi per alimentare senza rischi i vostri Telefoni Cellulari.

Pubblicato in NEWS RECENTI | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Cellulari rari, i modelli che valgono una fortuna: quali sono

Huawei P40 si fa in tre: come sarà lo smartphone cinese

Il Huawei P40 potrebbe uscire in tre diverse versioni: questo è quanto trapela nelle ultime ore dalla Cina, con la notizia che è stata pubblicata da alcuni noti giornalisti del settore mobile. Come già fatto da altri produttori, anche Huawei sarebbe pronta a lanciare tre versioni del suo top di gamma per cercare di occupare tutte le fasce di mercato disponibili.

Oltre al modello base, ci dovrebbero essere due versioni premium: una sarà sicuramente il Huawei P40 Pro, di cui già conosciamo caratteristiche e composizione del comparto fotografico, mentre il terzo modello dovrebbe essere molto simile alla Porsche Edition già vista per il Mate 30 e per gli altri smartphone dell’azienda cinese. I due dispositivi premium andrebbero a sfidare il Galaxy S20 Plus e il Galaxy S20 Ultra, i due smartphone top di gamma che Samsung dovrebbe presentare entro la fine di febbraio. Una lotta, quella tra Samsung e Huawei, che oramai prosegue da diverso tempo: in palio il trono di maggior produttore mondiale di smartphone. E la sfida tra Huawei P40 e Galaxy S20 è solo un nuovo capitolo della storia. Vedremo chi la vincerà.

Come saranno i tre Huawei P40
Il design dei tre dispositivi dovrebbe essere molto simile, con un display con foro nella parte anteriore e un bumper rettangolare in quello posteriore con all’interno le fotocamere. La base del Huawei P40 è il chipset Kirin 990 con modem 5G, a variare saranno la RAM e la memoria presente su ogni modello.

Altri due fattori che differenzieranno i tre dispositivi saranno la grandezza dello schermo e il numero di fotocamere. Il Huawei P40 “normale” dovrebbe avere uno schermo un po più piccolino (6,1-6,3 pollici) con una risoluzione FullHD+. Il P40 Pro e il terzo modello (di cui non conosciamo il nome) dovrebbero avere un display QuadHD+ con diagonale superiore ai 6,5-6,7 pollici. Il refresh rate dovrebbe essere di 90Hz su tutti e tre i dispositivi.

Sul comparto fotografico c’è molta incertezza. Andiamo per gradi. Sicuramente i sensori del modello base saranno cinque: quattro nella parte posteriore e uno in quella anteriore. Sui due modelli premium potrebbero aumentare fino a diventare sette: cinque fotocamere posteriori e due anteriori. Le cinque fotocamere posteriori dovrebbero comprendere un sensore principale da 64 Megapixel, un obiettivo grandangolare, un teleobiettivo, un sensore per la profondità di campo e uno per le foto macro.

La batteria dei tre dispositivi dovrebbe superare sicuramente i 4000mAh con il supporto alla ricarica rapida. Dalle ultime indiscrezioni lo smartphone potrebbe montare una batteria al grafene, ma non c’è certezza. Difficile la presenza dei Google Mobile Services, mentre è molto probabile che il P40 sarà il primo smartphone che testimonierà le potenzialità dei Servizi Mobili sviluppati da Huawei. A bordo Android 10 con la EMUI 10.

Batteria per telefoni cellulari huawei in vendita su Batteria Mercato a prezzo conveniente e con consegna rapida. Acquista online Batterie per computer portatili da un’ampia selezione nel negozio Informatica.

Pubblicato in NEWS RECENTI | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Huawei P40 si fa in tre: come sarà lo smartphone cinese

Perché il cavo USB non carica il telefono e come risolvere

La maggior parte dei device elettronici a batteria oggi si ricaricano tramite un normale cavetto USB: alcuni usano lo standard USB-C, altri il micro USB, ma di solito è possibile anche usare degli adattatori per connettere e ricaricare un po’ tutto con un po’ tutti i cavi.

Almeno fino ad oggi. Le cose, infatti, potrebbero cambiare a breve con la diffusione dei dispositivi che usano lo standard USB Power Delivery (PD), cioè quel protocollo che fa dialogare caricatore e dispositivo al fine di evitare sovraccarichi che potrebbero danneggiare i sempre più delicati device. A causa dello standard Power Delivery, così, ci sono casi in cui il cavo USB non ricarica il telefono, o il tablet, e non c’è altro da fare che usare un altro tipo di cavo. Già, perché i cavi sembrano tutti uguali ma in realtà non lo sono e, di conseguenza, ci sono dei device particolarmente capricciosi che non si ricaricano se non quando sono connessi al cavo giusto.

Il Google Pixel 4 non ricarica
Il caso più recente di cavo USB che non ricarica un dispositivo è quello dello smartphone top di gamma di Google, il nuovo Pixel 4. Questo smartphone supporta il PD ed è compatibile con una ricarica alla potenza massima di 15 Watt. Ma non con tutti i cavi: naturalmente va tutto bene con quello fornito in dotazione, con quelli dei precedenti Pixel e la ricarica funziona anche con la gran parte dei cavetti con entrambe le estremità USB-C.

Ma ci sono problemi con molti caricabatterie dotati di connettore USB-A (quello classico, piatto, che troviamo anche nei nostri computer). Anche molti cavi a 5 Ampere, necessari per la ricarica alla massima potenza, sembrano causare problemi sul Pixel 4: nonostante supportino lo standard PD non riescono a caricare questi smartphone. Ma non è solo il Pixel 4 ad avere problemi di ricarica con certi cavi: si è scoperto, ad esempio, che un MacBook Pro non si carica con l’alimentatore USB-C dei Chromebook, mentre i Chromebook si ricaricano tranquillamente con gli alimentatori dei MacBook Pro.

Perché il cavo USB non carica il device
Una possibile spiegazione a questi enigmi della ricarica sta nel resistore pull-up integrato nel cavo. I resistori di questo tipo sono comunemente usati nei cavetti USB, ma non sono tutti uguali: lo standard USB-C prevede la presenza di un resistore da 5.1 kΩ, mentre alcuni device come il Pixel 4 richiederebbero un resistore da 5.6 kΩ. E questo è il motivo per cui, a volte, il cavo USB non carica il telefono. Purtroppo il tipo di resistore non è quasi mai indicato nella confezione del cavo, quindi ci può capitare di comprare un cavetto USB e poi di non poterlo utilizzare con uno specifico dispositivo, solo perché non ha il giusto tipo di resistore.

Vendita online di batterie, caricabatteria, batterie ricaricabili. Consegna rapida e gratuita da 22€! Noi siamo Lo specialista della batteria.

Pubblicato in NEWS RECENTI | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Perché il cavo USB non carica il telefono e come risolvere

Utilizzi un antivirus? Microsoft blocca l’aggiornamento di Windows 10

Brutta sorpresa per alcuni utenti di Windows 10 che usano gli antivirus di AVG e di Avast, o che hanno dispositivi dotati di scheda di rete Wi-Fi prodotta da Qualcomm: non è più possibile aggiornare il sistema operativo.

Microsoft, infatti, ha introdotto dei blocchi che impediscono, in determinati casi specifici, l’update alle versioni 1903 e 1909 di Windows 10 (cioè il “May Update” e il “November Update“). La stessa Microsoft spiega che si tratta di una limitazione introdotta per ragioni di sicurezza: “Per proteggere la tua esperienza durante l’upgrade, abbiamo applicato una sospensione all’installazione di Windows 10 versione 1903 e 1909 sui device con certe versioni di antivirus Avast e AVG, fino a quando le applicazioni non vengono aggiornate“. Ma di cosa si tratta? Perché Microsoft non permette di aggiornare Windows 10 se hai un antivirus Avast o AVG? E perché anche sui dispositivi con scheda Wi-Fi di Qualcomm?

Antivirus e Windows 10: chi non può fare l’upgrade
Gli aggiornamenti di Windows non sono bloccati su tutti i PC con un antivirus di Avast o di AVG (che dal 2016 sono tra l’altro praticamente uguali, visto che Avast ha comprato AVG). Solo alcune versioni più vecchie causano il blocco: AVG Ultimate 19.5, AVG Internet Security 19.5, AVG Antivirus Ferr 19.5, Avast Premium Security 19.5, Avast Premier 19.5, Avast Internet Security 19.5 e Avast Free Antivirus 19.5. A queste si aggiungono tutte le versioni precedenti alla 19.5 di ognuno di questi prodotti. L’aggiornamento di Windows 10 è bloccato in questi casi per imprecisati motivi di sicurezza. Chiunque abbia uno di questi antivirus, quindi, dovrà prima aggiornarlo ad una versione recente (cosa comunque sempre consigliata) e solo dopo potrà completare l’aggiornamento di Windows 10.

Windows 10 non si aggiorna se hai il Wi-Fi Qualcomm
Un messaggio, ed un blocco degli aggiornamenti di Windows 10, è stato imposto da Microsoft anche nel caso in cui sul dispositivo sia presente un chip Qualcomm per il Wi-Fi con un driver non aggiornato. In questo caso è impossibile persino installare la versione 1809 del sistema operativo (l’”October Update 2018“). In questo caso non ci sono motivi di sicurezza ma di compatibilità: con i vecchi driver e le nuove versioni di Windows l’utente potrebbe sperimentare la perdita del segnale Wi-Fi.

Acquista online batterie per pc portatile. Soluzioni compatibili per Samsung, Apple, Microsoft e molto altro. Consegna Rapida. 100% Nuovi e garantiti 12 mesi per alimentare senza rischi i vostri PC portatile.

Pubblicato in NEWS RECENTI | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Utilizzi un antivirus? Microsoft blocca l’aggiornamento di Windows 10

Miglior smartphone Samsung per fotocamera

Il comparto fotografico è uno dei cavalli di battaglia degli smartphone Samsung, specialmente quelli di fascia più alta. Qui di seguito trovate il maggior esponente di questa categoria, considerabile come uno dei migliori camera phone in assoluto sul mercato smartphone.

Samsung Galaxy Note 10+
Il comparto fotografico di Note 10+ è ereditato quasi senza modifiche da S10 5G, ed è una buona notizia. Le quattro fotocamere sul retro forniscono scatti di altissima qualità, al top del settore. Troviamo un sensore principale da 12 MP, uno zoom 2x da 12 MP, un grandangolo da 16 MP e un sensore ToF per il calcolo della profondita. A questo ottimo hardware si aggiunge la cura maniacale del software Samsung, che riesce a garantire colori fedeli e immagini molto piacevoli in ogni condizione di luce. Molto buona anche la fotocamera frontale da 10 MP, in questo caso singola.

>>>>>>>>>>>>Samsung W589 G810 I5500 C3610 B7732 Batteria per AB474350BC
>>>>>>>>>>>>Samsung Galaxy ACE 3 ACE 4 neo G313H Batteria per EB-BG313BBE
>>>>>>>>>>>>Samsung S5750 S5570 i559 S5330 S5232 Batteria per EB494353VU
>>>>>>>>>>>>Samsung Galaxy J1 J Ace J110 SM-J110 Batteria per EB-BJ111ABE
>>>>>>>>>>>>Samsung Galaxy J3 J3300 SM-J330 Batteria per EB-BJ330ABE
>>>>>>>>>>>>Batteria Per Telefoni Cellulari Samsung

Pubblicato in NEWS RECENTI | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Miglior smartphone Samsung per fotocamera

I migliori telefoni Samsung del 2019: scegliete il Galaxy che fa per voi

È innegabile che gli smartphone Samsung siano tra i telefoni più popolari sul mercato – è difficile camminare per strada senza vedere qualcuno con un Samsung in mano, come accade peraltro anche con gli iPhone. Anche se dipende molto dal gusto personale, Samsung è considerato uno dei migliori marchi sul mercato, perciò vale sicuramente la pena tenere il marchio in considerazione nel momento in cui si vuole acquistare un nuovo smartphone.

Dalle serie di fascia alta Galaxy S e Galaxy Note, ai dispositivi economici presenti nelle serie Galaxy A e Galaxy M, Samsung offre un incredibile numero di smartphone con le combinazioni di caratteristiche più disparate, che vanno a coprire qualsiasi esigenza.

Per questa ragione può essere molto difficile districarsi tra tutte opzioni che il marchio offre: è meglio scegliere qualcosa di conveniente come il Galaxy A50, un vecchio top di gamma come il Samsung Galaxy S9 Plus o dare un’ occhiata ai telefoni più grandi e di punta come il Samsung Galaxy Note 10 Plus? 

Inoltre, con il tanto atteso Samsung Galaxy Fold (ora disponibile per l’acquisto) e con il Samsung Galaxy S11 all’orizzonte, la gamma di smartphone Samsung è in continua evoluzione.

I migliori telefoni Samsung 2019 a colpo d’occhio:
1.Samsung Galaxy S10 Plus
[Samsung Galaxy S10 Galaxy S10 X SM-G Batteria del EB-BG973ABU]
2.Samsung Galaxy S10
3.Samsung Galaxy Note 10 Plus
4.Samsung Galaxy Note 10 
5.Samsung Galaxy S10e
[Samsung Galaxy S10e S10E S10 E SM-G9 Batteria del EB-BG970ABU]
6.Samsung Galaxy Note 9
7.Samsung Galaxy S9 Plus
[Samsung Galaxy S9 Plus S9+ G965F Batteria del EB-BG965ABE]
8.Samsung Galaxy Fold
9.Samsung Galaxy A80
10.Samsung Galaxy S9
[Samsung GALAXY S9 G9600 Batteria del EB-BG960ABE]
11.Samsung Galaxy Note 8
12.Samsung Galaxy A7 (2018)
[Samsung Galaxy A7 A700 A700FD A700S Batteria del EB-BA700ABE]

Batteria per telefoni cellulari samsung in vendita su Batteria Mercato a prezzo conveniente e con consegna rapida. Acquista online Batterie per computer portatili da un’ampia selezione nel negozio Informatica.

Pubblicato in NEWS RECENTI | Contrassegnato | Commenti disabilitati su I migliori telefoni Samsung del 2019: scegliete il Galaxy che fa per voi

Guida all’acquisto di un mouse ergonomico

I rischi connessi alla professione di video terminalista, in tutte le sue sfaccettate accezioni, sono spesso sottovalutati, quando invece basterebbero pochi accorgimenti per evitare cervicale, mal di schiena, sindrome del tunnel carpale etc. In questa guida, in particolare, ci vogliamo concentrare su un accessorio come il mouse ergonomico, progettato per prevenire la tendinite e il tunnel carpale. Vedremo quali sono le tipologie in commercio e come scegliere il prodotto più adatto alle proprie esigenze.

Normale, ergonomico o mouse verticale?
Alzi la mano chi, almeno una volta, non si è accontentato del mouse più economico o magari di quello esteticamente più strano o più colorato. Quando però quella periferica viene impugnata come strumento di lavoro per molte ore della giornata, tutti i giorni della settimana e per anni, le cose cambiano. Soprattutto per i tendini dei polsi sottoposti ad un lento logorio, dovuto a continui micro movimenti necessari per spostare il mouse sul tappetino, o ancora per cliccare sulla rotella e scorrere le pagine.

Gli esperti rispondono che è tutta una questione di postura: gambe, schiena, braccia devono essere in posizione corretta per evitare l’insorgere di possibili fastidiose problematiche. In particolare gli avambracci dovrebbe essere bene appoggiati al piano della scrivania per evitare torsioni innaturali del polso. Oltre alla corretta posizione, sempre necessaria, anche il design si è evoluto per andare incontro alle esigenze di chi lamentava problemi collegati all’utilizzo prolungato del mouse. Ed ecco perché oggi si sente parlare sempre più spesso di mouse ergonomico come risposta alla tendinite o alla sindrome del tunnel carpale.

Prima di entrare nel merito sgombriamo il campo da un possibile equivoco: il mouse ergonomico non è obbligatoriamente un mouse verticale, ma è altresì vero che un mouse verticale è sicuramente ergonomico. E allora vediamo quali sono le tipologie di mouse che aiutano a prevenire o a ridurre i problemi di tendinite e di tunnel carpale.

·Mouse ergonomico inclinato: ha una struttura rialzata e inclinata di circa 30° che consente alla mano e al polso di assumere una posizione non contratta.
·Mouse ergonomico verticale: ha una struttura a ‘colonna’ e l’impugnatura è inusuale, ma dopo averci fatto l’abitudine risulta naturale per la posizione della mano e del polso. Il risultato è uno strumento innovativo che ha effetti benefici per chi soffre di risentimenti ai tendini del polso. Sul mercato sono disponibili sia la versioni con il filo, che il mouse verticale wireless anche con funzionalità avanzate.

Mouse verticale opinioni su vantaggi e svantaggi
Abbiamo cercato in rete le opinioni dei consumatori e dei siti specializzati relativamente al mouse ergonomico. In particolare ci siamo soffermati sui portali che si occupano di vendita di componenti periferiche per computer per avere un’idea generale del prodotto. In linea di massima possiamo così riassumere i vantaggi e gli svantaggi di un mouse ergonomico verticale, categoria che va per la maggiore e all’interno della quale è possibile scegliere fra diversi modelli:

·Economico ed ergonomico: il mouse verticale viene giudicato positivamente, nella maggior parte delle recensioni pubblicate in rete, per la posizione più naturale, rispetto al mouse classico, che permette di assumere al braccio e al polso evitando movimenti scorretti e potenzialmente nocivi. Un altro aspetto positivo sottolineato anche dai recensori più esperti è quello del costo: il mercato offre prodotti in tutte le fasce di prezzo, a cominciare da un primo prezzo accessibile di 15 / 20 € per modelli di discreta qualità, fino a più di 100 € per i modelli wireless evoluti e multifunzione. Da sottolineare come anche in quelli di costo contenuto non siano stati riscontrati difetti di velocità e di precisione del sensore ottico, anche quando il mouse è usato su superfici non ottimali come il classico tappetino.
·Per quanto riguarda i difetti, su molti blog di tecnologia si avverte che con il mouse verticale bisogna prenderci la mano sia per quanto riguarda la posizione dei tasti, che per i movimenti da compiere con il cursore, diversi da quelli ai quali siamo normalmente abituati. Per esempio è stato rilevato come il controllo del puntatore risulti più difficile visto che è necessario esercitare una maggiore pressione sui tasti, che possono risultare talvolta duri e meno pratici.

>>>>>>>>>>Razer Mamba 5G Mouse Batteria del PL993742
>>>>>>>>>>Razer Gaming Mouse Battery FT803437P Batteria del FT803437PA

Pubblicato in NEWS RECENTI | Contrassegnato | Commenti disabilitati su Guida all’acquisto di un mouse ergonomico